digitaltoast: Bash The Bishop

February 8, 2008
What I find supremely odd is that few have tried to read Dr Williams’ lecture.

No need to be upset: just make the effort of checking out what he’s said in the first place, will you?

Maurizio Morabito wrote a comment on February 8, 2008

> Is it possible that I might just have taken the time to listen to
> the full interview, and still be of the opinion that the Archbishop
> has said something incredibly divisive and foolish?

It certainly could be the case…however. it is quite unlikely, as there is no evidence you or any of the detractors I have seen on the BBC site have tried to quote or comment any of his actual arguments. Please let me know if and when that happens

Maurizio Morabito wrote a comment on February 8, 2008

> Is that the way to a sound multicultural society?

And why not? Of course with plenty of caveats regarding the implementation. For example a Sharia court could intervene only when both parties agree to that. And where Sharia law, as coded by British Muslim scholars and authorities, were to disagree with British law, the latter would prevail. And so on and so forth: all stuff that is quite common regarding Inuit communities in Canada. And nobody believes Canada is breaking apart.

Dr Williams has explicitly mentioned the possibility of moving post-Enlightenment law customs beyond their original anti-despotism stance. It is a definite possibility, to which he devotes a sizable part of his lecture. Please read, read, read!!

Maurizio Morabito wrote a comment on February 8, 2008

Last point for tonight: about the Islamophobia. Can’t you see the absolute disproportionate reaction to Dr Williams’ words? And one believed we were in a free society. Why all this mobbing, I cannot understand: or perhaps I can, if I see it as inspired by Islamophobia. People read “sharia”, think “Iran” or “Taleban”, and reply to that. Truly there is no space for an intelligent exchange.
Advertisements

BBC Any Questions: A future Holocaust of Muslims?

February 7, 2008

Posted on their website on Feb 11, 2006

HiThe Western reaction to the brouhaha about those idiotic Danish cartoons makes me worry that a Holocaust of Muslims is indeed a possibility

I am an European Christian and I do value freedom and freedom of expression. I have been supporting Amnesty International for most of the last 20 years

People talk about those cartoons as if they had come about out of thin air, but they haven’t.

For example, still to this day there is no Danish Muslim cemetery. Anti-immigration, hence anti-muslim parties are in the Danish government. And when Danish Muslims collected a 17,000-signature petition to protest about the original publication of the cartoons, all they got back was anonymous drawings of the Prophet Muhammad with the face of a pig

Those attitudes are not confined to Denmark. And the reaction of most people in the West has been indeed about flaunting the “superiority” of western culture to all others, and about making no distinction between millions and millions of peaceful Muslims and a handful of violent protesters

I haven’t seen a single analyst suggesting that there is indeed a Muslim Question now in Europe, akin to the Jewish Question of times past and ultimately linked to the fact that “superior Western Culture” (especially European) cannot deal with the concept of properly respecting, or even letting exist an “alien” minority in their midst

Look at what happened to indigenous Americans in the North and the South, to the Aborigines in Australia. Think what happened to the Jews.

And then you can start understanding why a “cartoon” is not the manifestation of freedom of speech, but further evidence that the slaughter of hundreds of thousands of Muslims by fellow European countrymen is a distinct future possibility as the Crime of the XXI Century

Oca Sapiens: Mille dollari, più le spese

February 6, 2008
  1. Maurizio Morabito ha scritto:
    6 Febbraio, 2008 18:18 tanto vengono a Londra nel 2009. Per l’epoca ci sara’ probabilmente da difendersi dal Global Cooling (di nuovo)

    http://motls.blogspot.com/2008/02/rss-msu-january-2008-was-coldest-month.html

Guglielmo Picchi: In Serbia più Europa. Vince Boris Tadic

February 6, 2008

Maurizio Morabito ha detto…

Kostunica intanto minaccia gia’ una crisi, visto che non vuole essere lui il Primo Ministro quando il Kosovo diventera’ indipendente…

A questo punto occorrerebbe una decisa, unitaria, energica azione da parte della Unione Europea: la quale invece continua a tentennare sulla questione dei criminali di guerra ancora latitanti.

E non dico certo di lasciare Mladic e Karadzic liberi come fringuelli. Anzi: la responsabilita’ della loro cattura dovrebbe passare alla UE tutta, e non solo lasciata sulle spalle dei serbi.

Dico solo che se non si da’ alla Serbia un’opportunita’ veramente seria, magari di entrare nella Unione insieme alla Croazia nel 2010, non si fara’ certo il bene ne’ nostro, ne’ di alcuno dei popoli della UE.

6 febbraio 2008 6.51

The Reference Frame: RSS MSU corrections & record cold temperatures

February 6, 2008

It may or may not be of interest, but Western Europe has experienced quite a mild winter so far, and in the satellite pictures looks like a lonely spot of green surrounded by snow white all over the Northern Hemisphere…

Contrappunto: Mario Pannunzio arruolato nei teocon?

February 5, 2008

Questo paese migliorera’ quando uno potra’ esprimere la propria opinione senza che questa venga considerata un’offesa personale da qualcun’altro. In altre parole: quando si comincera’ a discutere del merito invece che solo del metodo.

Accuweather Global Warming: A Regional Assessment of Climate Change Impacts

February 4, 2008

There is a giant reporting bias in the MARA findings and I wonder if I am the only one able to spot it (or otherwise, if I am just very wrong on this point).

For example on “Human Health” there is no mention of the obvious reduction in cold-related deaths. At least, I hope there has been some reduction. Actually, if there has been none, THEN that would be a major finding on its own

The trouble is that one cannot simply say “let’s look at the changes” and then report _any_ change that is seen, and especially the bad ones. There is lots that keeps changing every day every where, but each particular item may or may not be of any significance.

Observations should follow some underlying hypothesis. Otherwise, everything that changes is going to be a “finding”: worse, there will be all the chance for a “pick and choose” of findinds in one direction or another.

Guglielmo Picchi: Perchè perdere tempo con Marini?

February 1, 2008

ma non sarebbe meglio cambiare il Porcellum, anche in misura minima,
come per esempio reintroducendo le preferenze e/o eliminando le candidature in piu’ di una circoscrizione elettorale?

Cosi’, giusto per dare un segnale che si cambia qualcosa rispetto alla debacle dell’ultima volta? A Radio24 ieri mattina e’ stato detto che in teoria basterebbero 4 giorni, due alla Camera e due al Senato, senza neanche aver bisogno di nominare un nuovo Governo

Letter to the BBC: Climate news bias (China vs Argentina)

January 31, 2008

Date: Wed, 11 Jul 2007
From: Maurizio Morabito
Subject: Climate news bias (China vs Argentina)
To: Jonathan Amos, Richard Black

Dear Jonathan, dear Richard

Are some weathers more equal than others?

Why is it that if (A) it’s exceptionally warm in China, the news page on the BBC web site is graced by links to (anthropogenic) “Climate Change” and “Global Warming” but if (B) it’s exceptionally cold in Argentina, there is no recommendation at all to read further about climate change?

If you/the BBC believe that extreme weather events can be traced back to anthropogenic climate change (check the articles about the UK’s heat wave last April), then the same links should appear next to B just as next to A.

Otherwise, it will look like you’re suggesting that weather news are globally relevant only when they are about increased warmth.

That would be an unwelcome, blatant reporting bias.

In the meanwhile, pity those Southern Americans surely undergoing a bad case of “warming envy” at the moment.

Dany-log: Kerviel for dummies

January 31, 2008

Ci sono alcune differenze: la SocGen non ha mai rischiato la bancarotta, e a nessuno dei dirigenti attuali o passati verranno chiesti dei soldi indietro dai grassi bonus del passato. Al massimo “rischiano” di perdere il posto con una bella stretta di mano dorata, altri soldi in tasca loro.

In base poi a quanto riportato ieri (http://www.theregister.co.uk/2008/01/30/socgen_hack/ ) Kerviel non ha avuto bisogno di essere un genio della finanza o dell’informatica: ha semplicemente aggirato dei controlli deboli deboli. Per cui i “genitori” non solo amano il rischio economico, ma lasciano anche la cassaforte aperta…

================

A questo link la trascrizione in inglese dell’interrogatorio di Kerviel

http://www.iht.com/articles/2008/01/30/business/transcript.php

Praticamente dice che il 31 dicembre 2007 era in attivo di 1.4 miliardi di euro (misteriosamente non dichiarati) e che e’ sopreso che nessuno si sia chiesto perche’ l’anno scorso ha preso solo quattro giorni di ferie (in UK e’ obbligatorio prendere due settimane di fila, anche per quelli come me che si occupano del lato informatico delle operazioni finanziarie)

William M. Briggs, Statistician: Is climatology a pseudoscience?

January 30, 2008
  • 26. Maurizio Morabito  |  January 30th, 2008 at 3:35 am

    I wonder if Park’s warning signs 1, 2, 4, 5 and 6 apply to several “anti-AGWers” aka “skeptics”?

    1. The discoverer pitches the claim directly to the media
    2. The discoverer says that a powerful establishment is trying to suppress his or her work
    4. Evidence for a discovery is anecdotal
    5. The discoverer says a belief is credible because it has endured for centuries
    6. The discoverer has worked in isolation

My Tube: Separati dalla Nascita?

January 25, 2008

Mai dimenticarsi del vecchio motto del giornalismo: “non permettere alla realta’ di intromettersi in una bella storia”

Postato Venerdì, 25 Gennaio 2008 alle 18:15 da mauriziomorabito

Watts Up With That: The Climate Change and Wine Conference

January 25, 2008

Please don’t tell them that ingested ethanol (=wine) ends up as water and CO2, otherwise somebody will outlaw alcoholic beverages altogether…

Guglielmo Picchi: Franceschini e l’ennesimo sistema elettorale

January 24, 2008

Maurizio Morabito ha detto…

Per ovviare al fatto che ognuno tira sempre acqua al suo mulino, e manovra in base a calcoli astrusi su questo o quell’altro sistema (calcoli peraltro gia’ dimostratisi errati…), il metodo migliore sarebbe estrarre a sorte un sistema elettorale fra tutti quelli proposti.Tanto, il sistema perfetto davvero non esiste…

24 gennaio 2008 9.25

Guglielmo Picchi: Papa negato: mi vergogno dell’Italia

January 24, 2008

Maurizio Morabito ha detto…Purtroppo l’odio e l’intolleranza sembrano l’unica cosa bi-partisan in Italia…questo Papa sembra indigesto per default a una larga parte della intellighentsia: sono sicuro che lo criticherebbero anche se dichiarasse di preferire lo speck al prosciutto…

Non dico che non ci sia colpa in Vaticano (anzi: invece di evidenziare sempre i punti di conflitto, farebbero bene a riportare nelle agenzie di stampa anche le originali, molto saggie parole del Papa): ma a mente fredda fa un po’ ridere pensare a quanta polemica ci sia stata con da una parte i professori a difendere la “laicita’ del sapere” (non nominiamo neanche quel manipolo di studenti) e dall’altra un Papa che voleva sostanzialmente dire “Filosofate pure ma secondo me non e’ saggio buttare al macero millenni di sapienza delle grandi tradizioni religiose” (notare bene, non solo di quella cristiana-cattolica).

24 gennaio 2008 9.16

Accuweather Global Warming: Clarification on the Global Warming Groups

January 24, 2008

I recently found an interesting classification of degrees of skepticism:

Proponents
Anomalists
Mystery-mongers
Scoffers

It relates to people skeptical of the paranormal but with some modification could be applied to the AGW debate as well…

more details at Four Degrees of Skepticism

Appellolaico: L’Everest

January 24, 2008
  1. omnologos Dice:
    24 Gennaio 2008 alle 13:56 Purtroppo l’odio e l’intolleranza non sono solo da una parte…questo Papa sembra indigesto per default a una larga parte della intellighentsia.Non dico che non ci sia colpa in Vaticano (anzi…) ma a mente fredda fa un po’ ridere pensare a quanta polemica ci sia stata con da una parte i professori a difendere la “laicita’ del sapere” e dall’altra un Papa che voleva sostanzialmente dire “Filosofate pure ma secondo me non e’ saggio buttare al macero millenni di sapienza delle grandi tradizioni religiose” (notare bene, non solo di quella cristiana-cattolica).
  2. omnologos Dice:
    24 Gennaio 2008 alle 13:58 A proposito, due link riguardo il commento precedente:Una disanima del testo del messaggio papale: https://omnograms.wordpress.com/2008/01/17/noisefromamerika-la-casta-il-papa-e-la-liberta%e2%80%99-d%e2%80%99opinione-in-italia/
    http://tinyurl.com/ysephu

    Gli errori del Vaticano, ma non solo:
    http://mauriziomorabito.wordpress.com/2008/01/18/il-papa-sbagliato/

Crisis: A che ora e’ la fine del mondo?

January 23, 2008

47. Maurizio Morabito, Oggi, ore 12:39

> catastrofisti, apocalittici, pessimisti. Non è cosìAhem…ma se lo siete (catastrofisti, apocalittici, pessimisti) perche’ vergognarsene??

noiseFromAmerika: Contro la moratoria dell’aborto: una segnalazione

January 22, 2008

di Maurizio Morabito, 22 Gennaio 2008, 16:35

Mi piace essere molto terso su questa questione dell'”inizio della vita umana”, perche’ la certezza e’ che sia solo un veicolo per qualcos’altro…Faccio allora solo due domande retoricissime:

(a) Si e’ mai visto un prete battezzare il pancione di una donna incinta?

(b) In quanti Paesi dove l’aborto e’ legalmente proibito, esiste un Movimento per la Vita?

di Maurizio Morabito, 22 Gennaio 2008, 18:49

Voglio dire che fino a che non c’e’ la legalizzazione dell’aborto, la Chiesa e in genere gli antiabortisti latitano sul problema dell’aborto stesso.

E che tutti questi discorsi su quando comincia la vita umana sono successivi alla discussione sulla legalizzazione, ed eminentemente strumentali: perche’ se il feto fosse stato davvero considerato “vivo” anche prima, allora il battesimo sarebbe stato fatto subito dopo il concepimento.

Anche perche’ fino a poco tempo fa i bambini morti non battezzati finivano per dottrina nel Limbo…

E se sono gia’ “persone” appena concepiti, perche’ aspettare, e rischiare?

Petrolio: Picco vs. Clima

January 20, 2008

mi sono chiesto in queste settimane quale fosse mai il nesso fra peak-oil e riscaldamento globale di origine antropogenica (denominato AGW in inglese).

Temo che si tratti del fatto che sono entrambe ipotesi che alcuni dei loro proponenti hanno praticamente “blindato”. Cosi’ se fa caldo, c’e’ l’AGW, se fa freddo, c’e’ l’AGW. Se il petrolio aumenta di prezzo, e’ arrivato il picco. Se diminuisce, e’ arrivato il picco.

Il gia’ citato Tierney, giornalista del New York Times si e’ chiesto recentemente se esista un fenomeno atmosferico incompatibile con l’AGW

Si veda anche il lungo commento in proposito da parte di Roger Pielke Sr, e Jr, dell’Universita’ del Colorado

Il “comico-mago” Penn della famosa coppia Penn&Teller ne ha approfittato per prendere in giro Al Gore (qui un breve transcript in inglese)

——–

Ora, esiste un termine per chi approfitta di qualunque notizia sul clima per dire “E’ colpa dell’AGW”: “L’Opportunista Metereologico”.

L’esistenza di tale gruppo di persone, naturalmente, non favorisce l’implementazione di politiche per ridurre le emissioni di CO2, perche’ aumenta anzi, fra il grande pubblico, il gruppo di coloro che considerano i proponenti dell’AGW come delle macchiette.

Nonostante cio’, il pericolo di veder nascere una folta schiera di “Opportunisti del Picco” (se non c’e’ gia’) esiste (e con esso, il rischio di far diventare anche il Picco un argomento per i comici), specie se e’ diffuso l’atteggiamento di voler metaforicamente distruggere chi la pensa diversamente (nel senso di “character assassination” come con Dyson, e con Battaglia); e se rimane alto il fascino per le fallimentari tecniche argomentatorie di chi vede l’AGW sempre e comunque.

Cosa debba fare chi non segua necessariamente ne’ i consensi ne’ i dissensi, e si trova come me dal lato degli scettici dell’AGW, ma anche da quello dei “picchisti”, e’ una questione aperta.

Radicali Piemonte: Sulla Narcosala

January 20, 2008

Avendo visto due presentazioni oggi a Londra, uno sulle droghe, l’altra sull’alcolismo, mi chiedo se dietro i continui no a ogni effettivo aiuto ai tossicodipendenti (come le narcosale) ci sia un pregiudizio moralistico contro il quale c’e’ poco da argomentare: a parte il fatto che chi questo pregiudizio ce l’abbia, deve esprimerlo chiaramente invece di nascondersi dietro presunte paure di ulteriore diffusione dell’uso delle droghe.

Climate Resistance: Physician, Heal Thyself

January 18, 2008

maurizio morabito said…The AR4-WG2 report is interesting on several other fronts as well. It is the one place where (in its chapter 1) there is an analysis of hard data about the present-day world, instead of predictions about the future or discussions about models. I hope you will find the time to read it in detail, and comment it here.

For now I point out to an evident bias in what is reported: “Global Warming May Be Just European”

18 January 2008 19:21

BBC News: European probe aims for Mercury

January 18, 2008

The “European probe aims for Mercury” story is incomplete.

Giuseppe [one ‘s’] (Bepi) Colombo did not just complete “many pioneering studies on Mercury”: he allowed NASA to send Mariner 10 to a triple encounter with Mercury, by suggesting for the first time the use of a “gravitational slingshot”.

Such “gravity-assist” maneuver is now commonplace for interplanetary probes, saving considerable amounts of fuel (eg on the Messenger mission to Mercury) and/or time (eg on the New Horizons mission to Pluto).

Camelotdestraideale: La censura contro Benedetto XVI è in parte responsabilità di Marcello Veneziani e Giuliano Ferrara

January 18, 2008
  • Maurizio Morabito dice:
    Gennaio 18th, 2008 alle 12:57 pm Non sono d’accordo con l’incipit un po’ eccessivo di questo blog (non occorre essere mafiosi, razzisti o nazisti: basta essere “fascisti antifascisti”, all’itagliana).

    Sul resto mi sembra che sei sulla buona strada, anche se a dover fare un elenco di colpe ci passeremmo l’inverno. Ruini e Bagnasco per esempio dove li mettiamo? (In Polinesia, se me lo chiedi…).

    La mia impressione e’ che la colpa principale di questo Papa e’ che per capire cosa scrive, bisogna leggerlo…per intero, voglio dire…

    non e’ proprio il tipo da “soundbite”. e quindi sui giornali arrivano i suoi messaggi completamente distorti.

  • 7yearwinter: Pace nel nostro tempo

    January 18, 2008

    Maurizio Morabito ha scritto il:

    18 Gennaio 2008 alle 12:45 pm.

    Certo che la scelta fra il campo dei clericali e quello degli anticlericali sembra quella fra l’ascia del boia e la ghigliottina…

    Umanamenteidiota: La generazione Goldrake era migliore

    January 18, 2008

    Maurizio Morabito Gennaio 18th, 2008 at 12:26 pmAllora…visto che abito a Londra, e questa me l’ero persa, ho fatto un po’ di indagine per vedere se era il classico “mai permettere ai fatti di rovinare una buona storia”.

    D’altronde la maggior parte delle linee elettrificate qui hanno il “terzo binario” per cui il semplice attraversamento e’ rischiosissimo, figuriamoci lo sdraiarsi.

    Ho trovato allora la notizia sulla BBC http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/7180814.stm . Nelle preoccupazioni riportate sembra che entrino tutti quelli che in qualche modo si avvicinano ai binari o ai treni: dai teenager che aspettano il treno per poi evitarlo all’ultimo istante, agli artisti dei “graffiti”.

    Si parla di 300 morti. Non so se siano tanti o pochi rispetto ad altre nazioni, e non si dice quanti siano quelli adolescenti, e quelli morti “per giocare”.

    La “notizia” in fondo non era una “notizia” in se’, ma legata al fatto che Network Rail ha lanciato una nuova campagna in proposito.

    Comunque e’ chiaro che alcuni rischiano la pelle per divertimento. Perche’ lo fanno? Perche’ sono teenagers e come scritto sul New York Times, hanno una percezione distorta del rischio (paradossalmente, lo sovrastimano, ma al contempo esagerano ancora di piu’ i lati positivi del correre certi rischi)

    http://www.nytimes.com/2007/12/18/health/18brod.html

    E anche perche’ la societa’ britannica non sa che farsene, dei teenagers..

    http://mauriziomorabito.wordpress.com/2007/02/14/lettera-a-uno-schoolboy/

    The Reference Frame: New York Times about reincarnation in cosmology

    January 18, 2008

    About tipicality:

    We live on a non-special planet, orbiting around a non-special star in a non-special galaxy belongin to a non-special local group, weakly linked to a non-special local supergroup in a non-special corner in the universe.

    So shall we argue simply to substitute the “typical observer” assumption with a “non-special observer” one?

    Oca Sapiens: I topi di Hamilton e i ghiacci polari

    January 18, 2008

    Maurizio Morabito ha scritto:
    18 Gennaio, 2008 02:45 Non ho trovato dove l’IPCC predica un aumento dei ghiacci (marini?) antartici?

    In compenso, dall’AR4-WG2, capitolo 15, che dovrebbe occuparsi di cosa potrebbe accadere in futuro:
    http://www.ipcc.ch/pdf/assessment-report/ar4/wg2/ar4-wg2-chapter15.pdf

    p655: preoccupazione se il ghiaccio marino (GM) antartico continua a diminuire

    p656: nel TAR (il rapporto precedente) erano previste sostanziali diminuzioni del GM a entrambi i poli, e la diminuzione dell’albedo avrebbe portato a aumento del riscaldamento

    p658: l’estensione del GM e’ detta variare molto, regionalmente, in Antartide

    p662: riscaldamento previsto piu’ alto dove si sciolga il GM. Alcuni modelli prevedono un’amplificazione dell’effetto, in una banda ristretta degli oceani meridionali

    p669: riporta diminuzione del GM intorno alla penisola antartica (nessuna menzione dell’aumento del GM altrove, come da figura 15.2, p658)

    In generale di Antartide in quel capitolo si parla poco perche’ non ci sono molti dati, e ci si concentra sulla Penisola Antartica dove e’ stato rivelato un riscaldamento. Cosa questo suggerisca sul modo di pensare di chi compila i rapporti IPCC, lo lascio come esercizio per il lettore.

    Da notare un’ultima cosa: nel capitolo 2 dell’AR4-WG2 l’Antartide e’ menzionato in maniera molto sparsa, e si dice che non c’e’ alcuna indicazione di riscaldamento globale di origine umana in quel continente, negli ultimi 50 anni.

    Accuweather Global Warming: Initial Poll Results

    January 17, 2008
    Skepticism is the only answer. Everything else is by definition unwarranted.

    And by the way…when something becomes self-evident, it’s not science any longer 😎

    noiseFromAmerika: La Casta, il Papa e la Liberta’ d’Opinione in Italia

    January 17, 2008

    di Maurizio Morabito, 17 Gennaio 2008, 18:25

    Io questo Papa lo capisco. Lo capisco nel senso che vedo come non venga capito.Ha fatto un enorme discorso attuale ma non “del momento”, collegando l’universita’ di oggi alla tradizione cristiana e greca antica, e tutto quello che viene letto e’ che viene riconosciuta la laicita’ de La Sapienza, e che la ragione deve essere sottomessa al bene???Probabilmente il difetto e’ che per capire questo Papa non bastano i “soundbites”, e bisogna leggere i testi per intero. Troppo sforzo, per la cultura moderna.Gia’ il discorso per la giornata della pace era stato ridotto sui giornali a una difesa della famiglia matrimoniale (il che, certo non era ). Adesso, per chi ha voglia di leggere, c’e’ un invito a fare in modo che la ragione sia libera, e libera di cercare il vero, contro le tentazioni a trasformare tutto secondo criteri utilitaristici e lobbystici.
    Il Papa teme il piegarsi della ragione “davanti alla pressione degli interessi e all’attrattiva dell’utilità, costretta a riconoscerla come criterio ultimo” e per evitare cio’, suggerisce di usare quanto puo’ fornire la fede cristiana (e cosa altro dovrebbe suggerire, il Papa???).E’ proprio ironico che alla fine, un discorso papale sulla liberta’ sia stato (quasi) zittito…

    di Maurizio Morabito, 17 Gennaio 2008, 19:50

    L’unico vincolo e’ che il Papa si aspetta che la ragione umana venga usata per cercare la verita’. Non lo so: c’e’ qualcuno in disaccordo? A un certo punto dice anzi chiaro e tondo che la filosofia (ai nostri tempi, la ragione) deve essere libera dalla teologia. Si rifiuta anche di dare indicazioni su come debba procedere, la ragione.La quale pero’, a suo parere, non va messa da parte (e di nuovo: che dovrebbe dire, il Papa???):”le Facoltà di filosofia e di teologia […] questo è il senso permanente e vero di ambedue le Facoltà: essere custodi della sensibilità per la verità, non permettere che l’uomo sia distolto dalla ricerca della verità. Ma come possono esse corrispondere a questo compito? […] neppure io posso offrire propriamente una risposta, ma piuttosto un invito a restare in cammino con questa domanda […]. Teologia e filosofia formano in ciò una peculiare coppia […] ciascuna deve conservare il proprio compito e la propria identità.“A un certo punto lamenta addirittura l’assolutizzazione della ragione, e invita invece a storicizzarla, nel senso di trasformarla in una ricerca continua invece che nella definizione di elementi “fuori dalla storia”. Di nuovo, offre come soluzione l’abbandono dell’idea che la “sapienza” della tradizione religiosa (notare: non solo quella cristiana) sia tutta da cestinare:”Di fronte ad una ragione a-storica che cerca di autocostruirsi soltanto in una razionalità a-storica, la sapienza dell’umanità come tale – la sapienza delle grandi tradizioni religiose – è da valorizzare come realtà che non si può impunemente gettare nel cestino della storia delle ideeVerso la conclusione, espandendo la citazione di prima, parla di quanto gli sta piu’ a cuore, riguardo l’universita’ e la ragione occidentale in genere: e cioe’, che con tutto quello che si conosce adesso, per seguire l’utile o le pressioni esterne, la verita’ non la cerchi piu’ nessuno:Il pericolo del mondo occidentale – per parlare solo di questo – è oggi che l’uomo, proprio in considerazione della grandezza del suo sapere e potere, si arrenda davanti alla questione della verità. E ciò significa allo stesso tempo che la ragione, alla fine, si piega davanti alla pressione degli interessi e all’attrattiva dell’utilità, costretta a riconoscerla come criterio ultimoInteressante notare anche che all’inizio si congratula del fatto che La Sapienza sia libera da preti e politici (e magari lo fosse!!!)”Nella sua libertà da autorità politiche ed ecclesiastiche l’università trova la sua funzione particolare, proprio anche per la società moderna, che ha bisogno di un’istituzione del genere

    di Maurizio Morabito, 17 Gennaio 2008, 21:37

    Non lo so se vogliamo far polemica per polemica, ma prima di congratularsi dell’indipendenza de La Sapienza, il Papa ha detto “la Sapienza […] è un’università laica con quell’autonomia che […] deve essere legata esclusivamente all’autorità della verità.La verita’ rivelata alle autorita’ ecclesiastiche non fa quindi necessariamente parte di quella “autonomia”.E poi dice “[il Papa] sicuramente non deve cercare di imporre ad altri in modo autoritario la fede, che può essere solo donata in libertà“. Quindi la commistione non e’ per forzatura papale.Ripeto: il messaggio e’ un appello a non buttare al macero la sapienza delle tradizioni religiose, in quanto accumulata lungo le generazioni e quindi non marchiabile semplicemente come “irrazionale”.Se qualcuno legge qualcosa di diverso per favore citi esplicitamente i punti del discorso a cui si riferisce.

    di Maurizio Morabito, 17 Gennaio 2008, 22:23

    Sono adesso io che non capisco. Il Papa dice che se la ragione non ascolta il “grande messaggio che le viene dalla fede cristiana e dalla sua sapienza“, allora quella ragione “inaridisce“. Analogamente per il discorso delle “radici“.Dove sta scritto “deve“, pero’? Se il “Signor Ratzinger” la pensa in quel modo, ed e’ Papa, sara’ bene che lo dica. Non puo’ dire la sua opinione? Dove sta la scorrettezza? Che dovrebbe dire: “fate pure senza di me, la fede e’ per gli stupidi, chi ragiona non puo’ aver fede, etc etc”???

    di Maurizio Morabito, 18 Gennaio 2008, 02:19

    > sei certo che il signor RatzingerDobbiamo chiarirci alcune cose. Stiamo parlando di cosa avrebbe detto il Papa a La Sapienza, o di cosa pensiamo in generale del Papa e del Papato?Se ci limitiamo alla prima ipotesi, allora non vedo dove il Papa abbia detto di avere una verita’ in tasca da servire li’ per li’ perche’ tutti la seguano. Anzi, ha detto “papale papale” 😎 di non avere risposte sul come cercare, la verita’…

    > non sarebbe il capo di un’organizzazione secondo cui la verità ultima

    Insomma questo si presenta senza voler imporre niente, lo dice, lo ripete, spiega come la pensa, si fa un po’ di domande, collega l’universita’ di oggi a quello che erano le prime universita’, dice di non avere le risposte, invita i pensatori a non abbandonare pero’ quello in cui lui crede, spiega perche’ fa quell’invito…

    e tu hai dei problemi con la base del suo credere???

    Comincio a sospettare che il Papa non ti avrebbe fatto contento neanche se avesse scritto che tutto quello che voleva era un panino alla mensa de La Sapienza…

    Il fatto che il Papa pensi di avere la “soluzione finale” in tasca come dici tu e’ un problema fra il Papa e il suo Dio. Altrimenti, sulla base delle tue critiche, non potrebbe fare altro che stare zitto…in altre parole, stai rigettando tout-court tutto quello che il Papa potrebbe dire, che e’ poi proprio la preoccupazione espressa dal Papa in quel discorso.

    Si vede che fa bene a preoccuparsi…

    Sulle omissioni di cui mi accusi non capisco di cosa ti lamenti. Ha detto quello che lui crede essere il compito del Vescovo, la sua interpretazione dell’ingresso della filosofia greca nel pensiero dei primi cristiani, e quello che lui ritiene essere la verita’. Ha detto tante altre cose che non ho ritenuto di ricopiare.

    E infatti a cosa mi serviva ripetere quelle affermazioni? (Vagamente Gandhiane, se me lo chiedi…)

    Tu avevi detto che non avevi capito il discorso di Ratzinger: avrei forse dovuto spiegartelo dicendo che “il Papa e’ cattolico”? O ricopiando tutto il testo per intero?

    ps sulla a-storicita’ della ragione: ad essere davvero risibile sarebbe il fisico che, dopo Aristotele, Galileo, Newton, Michelson/Morley, Einstein, Planck e Hubble dichiarasse la sua scienza “fuori dalla storia”

    di Maurizio Morabito, 18 Gennaio 2008, 22:02

    Il sito e’ stato irraggiungibile tutt’oggi fino ad adesso..tsk tsk forse l’hosting era meglio non farlo fare a quei signori vestiti di nero 😎

    Perché ‘sta benedetta verità il tuo amico Ratziger vorrebbe che la cercassimo, ma lui sa già cos’è! Ma allora, se già sa cos’è, perché perdere tempo e denaro? Ce la dice e morta ivi.

    Sei insomma scontento perche’ te lo immaginavi Papanzer e ha deluso le tue aspettative? Ti dice che l’universita’ e’ meglio che non abbia preti o politici (chissa’ come sono contenti, alla Cattolica…) e si rifiuta di imporre alcunche’, ma non sei contento neanche di quello.

    Come ho gia’ chiesto: c’e’ qualcosa che avrebbe potuto dire senza incorrere nelle tue critiche, o vuoi semplicemente che stia zitto (o meglio, che non si faccia ascoltare)?

    se per un accidente storico o religioso mi cambiano la costante gravitazionale sono cazzi amari per tutti!

    Ebbene anche la costante gravitazionale fra cento o mille anni non sara’ piu’ tale, o non sara’ piu’ utile, e la fisica sara’ andata avanti con teorie migliori. Anche la relativita’ sara’ sostituita, probabilmente diventera’ un corollario di un modello migliore e piu’ preciso. Cento anni fa piu’ o meno JJ Thomson pensava agli atomi come dei “panettoncini”, adesso siamo alla “giungla delle particelle”. Dei “sei numeri” di Martin Rees non se ne conosceva neanche uno, adesso si parla della distanza di Planck.

    Quale parte della fisica possa mai dirsi “fuori dalla storia”, “assoluta”, spiegamelo, per favore

    parecchie che la contraddicono e che sostengono molto chiaramente la solita favola

    Il ragionamento del Papa e’ coerente. Certo, ci sono delle premesse (l’aver Fede, l’aver fede in quel particolare sistema religioso, etc etc) ma una volta stabilite le condizioni di partenza non ci sono voli pindarici o non-sequitur. E certo, per capire tutto cio’ un non-credente deve per un attimo riuscire a relativizzare la propria posizione. Non posso che invitarti a fare quello sforzo (dici di sapere che il Papa e’ cattolico, ma poi non fai uso di quel dettaglio). Senza quello sforzo la tua lettura delle encicliche non ha alcun senso (e infatti, senso non riesci a trovarne).

    Non ti facevo cosi’ “assolutizzante”. Sei piu’ Ratzinger di Ratzinger stesso.